Codognè- Ritorna l'acqua nella peschiera dell'antica Villa Ferracini-Ton , e tre carpe .


Una delle tre carpe liberate oggi nella peschiera della Villa Veneta in via Roma a Codognè


Parafrasando ( e modificandone il significato di "cogli l'attimo) potrei chiamare la giornata di oggi "Carpe Diem" e ribattezzarla il "Giorno delle Carpe". A parte gli scherzi e le battute, oggi è una giornata storica per la peschiera di fronte all'antica Villa "Ferracini-Ton" di via Roma (subito a sinistra dopo la nuova rotonda del "Rosario")
.
La facciata della Villa prima dell'inizio dei lavori di restauro
Dopo novant'anni di assenza, grazie all'impegno dell'amministrazione comunale capitanata dal sindaco Avv. Roberto Bet e all'idea dell'attuale proprietario Giorgio Moras, ritorna lo specchio d'acqua molto piacevole da vedere. Oggi in particolare, il signor Moras, ha voluto arricchire lo specchio d'acqua di fronte alla Villa con l'introduzione di tre grosse carpe che si sono subito adattate al nuovo habitat nuotando felici della loro nuova collocazione.
                     Una delle tre carpe appena liberate nello specchio d'acqua della peschiera
"Non ho mai visto l'acqua in questa peschiera"Ha dichiarato il proprietario Giorgio Moras. "Per questo mi sono attivato ed ho chiesto l'aiuto del sindaco per riportarla e migliorare il colpo d'occhio di coloro che transitano di fronte a questa Villa che fu di proprietà del primo sindaco della storia di Codognè. Alle carpe, due femminucce e un maschietto, sono stati attribuiti i seguenti nomi. Ferdinando, come Ferdinando Ferracini,  Matilde e  Maddalena, i nomi delle due nipotine di Giorgio, figlie di Damiano e Chiara.

Il sindaco di Codognè, Avv. Roberto Bet ha dichiarato:" Con oggi abbiamo ridato vita a questo luogo che era abbandonato e pericoloso, con il restauro e l'introduzione delle carpe, segno di vita, nello specchio d'acqua, abbiamo voluto riportare un luogo importante per il paese al suo "sapore antico".

Commenti