Graziana Papes, l'ultimo saluto. Riposa in pace.

Albert Einstein disse: "La Coincidenza è il modo di Dio di restare anonimo." 
Mi e' venuta in mente questa frase,  mentre il sacerdote che officiava la cerimonia delle esequie di Graziana Papes, commentava il Vangelo di oggi, che,  nel giorno dell'ultimo saluto era la parabola dei talenti. "Graziana e' l'esempio umano della parabola che abbiamo appena letto" ha detto il celebrante nella chiesa dei Frati Cappuccini stipata all'inverosimile.
"Lei ha ricevuto molti talenti e li ha investiti facendo del bene e far star meglio altre persone. Da lassu' ci aiuti a capire quali sono i nostri in modo che possiamo farli fruttare cosi' come ha fatto lei.". 



La bara bianca con una composizione di gigli bianchi e al centro un Cuore disegnato con delle rose gialle e' uscita dalla piccola chiesa. Dietro il feretro si sono stretti i famigliari, in particolare le sorelle Maria Teresa e Diana ed il fratello Vincenzo (la figlia non ha potuto partecipare per un lieve malore) Prima della partenza dal sagrato della chiesa Diana ha raccolto tre rose dal grande cuore disegnato sopra il feretro e ne ha consegnato una ciascuno a Maria Teresa e Vincenzo. I tre fratelli si sono abbracciati tra le lacrime(composte e silenziose) e hanno ricevuto gli abbracci e le condoglianze di chi si e'ritrovato oggi per l'ultimo saluto a una grande donna, con un grande Cuore. Piu' grande di quello che era disegnato dalle rose sopra quei bellissimi gigli bianchi.
0