Parata del 2 Giugno, spreco ed immobilismo cronici.

Adolf Hitler and Benito Mussolini walking in f...
Adolf Hitler and Benito Mussolini walking in front of saluting military during Hitler's visit to Venice, Italy. (Photo credit: Wikipedia)
(by pio dal cin) Per fortuna che non c'erano i mezzi pesanti alla parata "sobria" di oggi a Roma, altrimenti sembrava di essere in Iran o in Argentina durante gli anni di Pinochet. A che cosa serve una parata militare se non a sprecare inutili risorse economiche che potrebbero essere altrimenti impiegate per esempio a costruire una scuola, un asilo,una mensa per i poveri oppure a costituire un fondo di solidarietà?

Vedere Napolitano, Grasso,Boldrini ed Alfano ridere e godersi lo spettacolo anacronistico delle forze dell'ordine che sfilano davanti alla tribuna d'onore mi ha fatto una tristezza enorme; ho capito ancora una volta (ce ne fosse stato il bisogno) che viviamo in un Paese bellissimo come l'Italia condannato dai suoi politici e burocrati d'annata a vivere in un immobilismo acuto che ci rimanda indietro di almeno una sessantina d'anni.

Qualcuno mi spieghi l'utilità di tutto questo, da solo non riesco a capire, proprio non ci arrivo. Le parate andavano bene quando c'era Mussolini che doveva far vedere a tutto il mondo che eravamo gli unici pirloni ad appoggiare Hitler; oggi sono assurde ed assolutamente fuori luogo in un momento di crisi come quello che l'Italia sta passando.

I politici d'altronde vivono in una specie di mondo parallelo, ovattato, lontano dalla realtà di ogni giorno. Per capirlo basta ascoltare i discorsi assurdi che fanno da trent'anni; sono sempre gli stessi, promettonoi cambiamenti radicali per poi approvare per esempio una legge che dovrebbe ridurre il finanziamento ai partiti
(nel 2017, perchè non da subito?) gradualmente.

+Beppe Grillo  ha provato inutilmente a scardinare un sistema corrotto che dura ormai da oltre cinquant'anni ed ha fallito anche lui, scontrandosi con delle regole assurde che se un giorno verranno cambiate sara' sempre troppo tardi e comunque andranno a favore di chi il Paese dovrebbe governarlo per amore, non per arricchirsi con stipendi di lusso, sprechi e pensioni da capogiro.

Quello che manca è il buonsenso e la volontà di snellire il sistema sia nelle istituzioni  che nella burocrazia.

Perchè vengono dati soldi pubblici ai partiti dove c'è chi guadagna ventimila Euro al mese?

Perchè un imprenditore che deve assumere un operaio deve versare contributi esosi allo stato?

Perchè non vengono detassate (come succede ad esempio negli usa in caso di calamità naturali) le zone colpite da gravi alluvioni o terremoti, in modo che per almeno dieci anni chi viene colpito da tali calamità possa concentrarsi in una ripresa che anche senza tasse è già difficile?

Perchè se uno vuole aprire una piccola attività dev'essere scoraggiato dall'iter burocratico, dalle tasse invece che essere aiutato a partire senza problemi?

Quanti altri perchè ci sarebbero da risolvere. La Parata di oggi però ci fa capire che niente è cambiato e niente cambierà. I Politici continueranno a fare i loro comodi alle nostre spalle, incuranti delle sofferenze del Bel Paese e anche se la loro credibilità in questi anni ha toccato il fondo, continueranno a stringere il collare con il quale ci hanno sempre tenuti al guinzaglio, imponendoci nostro malgrado, leggi tasse e "Parate" completamente assurde mentre loro continueranno a fare la vita da nababbi


Enhanced by Zemanta
0