Codognè oggi ha perduto un Angelo. Cara Edda, rimarrai per sempre nei nostri cuori.

Cara Edda,
                                         Edda Galeazzi (a destra) con una delle sue amiche Maria
Ci hai lasciati oggi, in punta dei piedi, senza disturbare nessuno, come era nel tuo stile, discreto e sobrio.
Di te ho  dei bellissimi ricordi legati alla mia infanzia. Eravamo vicini di casa dove gestivi il tuo negozio  di parrucchiera.

Non vedevo l'ora di finire la scuola per venire a curiosare, vedere le signore che si facevano la permanente sotto gli enormi caschi rumorosi che andavano di moda in quegli anni.

Eri sempre sorridente e solare, precisa e professionale nel tuo lavoro. Passavi da una signora all'altra lavando, pettinando, controllando un casco. Il clima da te era sempre allegro e gioviale.

Mi sedevo un po' in disparte per non disturbare ma non risparmiavo le mie battutine alle tue clienti. Ci siamo fatti delle belle risate. Con gli altri amici della borgata ci trovavamo spesso a giocare con Niva. 

La sua prematura scomparsa il 23 luglio del 2014 aveva segnato in maniera indelebile il tuo cuore forte e coraggioso, ma non il tuo spirito, sostenuto da una fede invidiabile, che hai sempre alimentato con la preghiera del S. Rosario e della tua quotidiana frequenza alla S.Messa.

Il dolore ti aveva già visitata nel  2009, quando  ti aveva lasciato improvvisamente il tuo amato Dino che ti era sempre accanto e ti amava più di ogni altra cosa.

Mi piaceva di te la  serenità che infondevi alle persone, quando cercavano  una parola di conforto o semplicemente un sorriso, che tu non negavi mai. Avevi uno spiccato senso dell'umorismo, intelligente e acuto, con la battuta sempre pronta  che usavi per "tirare su di morale" chiunque ne avesse bisogno. Non ti lamentavi mai anche se si capiva che dietro il tuo solare sorriso c'era a volte un cuore gonfio per la mancanza delle persone più care. A darti l'energia per andare avanti ci pensavano i tuoi amati nipoti.

Il tuo amore per loro e le tue inseparabili amiche Francesca e Clara  erano pari solo al profumo delle rose, e dei fiori, sempre presenti sul tuo davanzale con mille sfumature di colore

Anche tu eri come quei fiori, pronta a condividere la bellezza e l'amore con tutti.

Non ti ho mai sentito parlare male di nessuno. Sei stata e sarai un vero Angelo per tantissime persone.

Oggi mi piace immaginarti lassù, serena e felice, assieme ai tuoi cari. Troverai anche Narciso e Maria che per te avevano un affetto particolare, eri più che un'amica per loro, e i Rosari recitati assieme nei mesi di maggio e ottobre ti spianeranno la strada verso la Vita Eterna, nella quale credevi fermamente.
Sono  sicuro che continuerai a guardare giù, verso tutte le persone che hanno avuto la grandissima fortuna e l'enorme privilegio di essere toccate dal tuo animo sensibile, dal tuo amore, e dal tuo infinito sorriso che non mancava mai sulle tue labbra.
                                               Edda Galeazzi (a destra) con l'amica Maria 



                     Da sinistra Anna Lina (EDDA GALEAZZI -maglia bianca) e Maria




          Con Clara Galeazzi (a sinistra) e la Maestra Francesca Da Fies Costella (al centro)
                                      Edda Galeazzi (a destra - vestito verde) in una foto di qualche anno fa








L'ULTIMA SERA CON GIOIA ASSIEME ALLA SORELLA , AMICHE E NIPOTI

Ieri sera  Edda Galeazzi era felice. Felice di aver passato una serata gioiosa in compagnia della sorella Mirella e di alcuni amici e nipoti.

 Stamattina, il genero Angelo, che vive con la figlia Zeudi nella casa adiacente in via XXX ottobre a Codognè, verso le 8:05, ha voluto andare ad accertarsi che tutto fosse a posto, non avendo veduto alzarsi le persiane, come di consueto, verso le 6 del mattino.

Entrando in casa, l'ha trovata riversa in bagno, e come ha poi accertato il medico legale, Edda, 86 anni compiuti lo scorso aprile, era deceduta apparentemente a causa di un ictus verso le 2 del mattino. 

La notizia della sua morte si è subito dffusa in paese.
Edda era molto conosciuta e stimata  a Codognè per molte ragioni.

Dagli inizi degli anni '60,  aveva gestito nello studio a casa, sua un negozio di parrucchiera per signora che ha tenuto aperto per quarant'anni.

Edda era molto religiosa, e ogni mattina si recava  alla S. Messa delle 8  con alcune delle sue amiche.

 Era la fede granitica che la distingueva, a darle la forza di andare avanti con grande coraggio, dopo la mancanza improvvisa nel 2009 del suo amato marito, Dino Camatta, morto improvvisamente per un infarto.

Nel 2014 aveva perso ad un  male incurabile, anche la figlia Niva, non ancora sessantenne, insegnante , maestra elementare, conosciutissima e stimata in paese dove lavorava presso la scuola locale.

Edda non si fermava mai. Sempre piena di energia.Alternava la preghiera  all'amore per i suoi nipoti, ma non solo. Era un punto di riferimento per tante persone, amiche e sconosciute.

Appassionata di giardinaggio, la vedevo spesso  a curare i fiori e le rose che teneva sempre in gran ordine,

Sempre pronta a condividere una buona parola, e toccava a lei ,ad incoraggiare  chi le si rivolgeva per un consiglio o una buona parola.

"Aveva una salute di ferro. Sempre attiva. Non prendeva una pastiglia . Pur avendo già compiuto ottantasei anni non aveva disturbi di alcun tipo.Non ci saremmo mai aspettati un fulmine a ciel sereno come questo!" Ha dichiarato il genero Angelo Casagrande 
Il suo aspetto era sempre molto curato, mai un filo fuori posto. Un'eleganza sobria e naturale . Lascia nel dolore i suoi amati nipoti Zeudi Nicola, Nicolò,  il nipotino Nicolò il fratello Gimo e la sorella Mirella oltre che ai numerosi nipoti e il genero Angelo. Il S.Rosario verrà recitato domenica sera 7 ottobre nella chiesa arcipretale di Codognè alle 19:00. Le esequie  e la cerimonia funebre  saranno officiati sempre nella chiesa arcipretale lunedì 8 ottobre  alle 15:30
0