Le mani che ho stretto

Giovedì sera ho stretto la mano a una donna meravigliosa Samantha Cristoforetti. 

                                                           Astro Samantha a Oderzo


Non l'avevo mai incontrata anche se nel 2013 ero riuscito ad intervistarla via video ritrovo su Google plus. Cinquantatré minuti di domande e risposte, un anno prima della sua partenza per lo spazio. Mi è piaciuto tanto il messaggio che ha trasmesso alle centinaia di giovani presenti in sala. Ha parlato del suo meraviglioso sogno di diventare un astronauta che è diventato una bellissima realtà, spronando i giovani a cercare dentro di loro quella passione che alimenterà il loro sogno, perché riuscire ad avere un sogno è la cosa più grande.

Ascoltate le sue parole sul sogno realizzato in questo video .


Realizzarlo significa aver vissuto la vita in modo completo e appagante, poiché non esiste cosa più bella.  Stringere quella mano che ha operato migliaia di azioni nello spazio è stato veramente elettrizzante. Nella mia vita ho avuto molte occasioni di stringere mani più o meno famose. Ricordo Joseph Barbera, papà di Tom e Jerry, cartone per il quale ha ricevuto il premio Oscar. Lo conobbi al ristorante Italiano dove lavoravo nel 1994. Veniva a pranzo ogni giorno e lo accompagnavo al tavolo numero dieci. Era sempre molto gentile ed educato con me. Un giorno, dopo alcuni mesi che lo conoscevo, gli ho chiesto se potevo visitare gli studi dove si producevano i cartoni di Hanna & Barbera, di cui era il titolare. Acconsentì con piacere e ancora oggi ricordo il nostro incontro nel suo ufficio e la sua stretta di mano. Lo stesso per Papa Giovanni Paolo . Fu lui a cresimarmi quando ero ancora bambino, essendo a quel tempo il Vescovo di Vittorio Veneto. A Lorenzago di Cadore strinsi con grande emozione la mano di Giovanni Paolo II che seguivo durante le sue vacanze sulle Dolomiti Bellunesi.

                                 Il Papa stringe le mani dei cittadini di Lorenzago di Cadore


In Cansiglio fu la volta di Francesco Cossiga. Mani diverse, pesanti, leggere, fragili o possenti. 

Ho stretto anche mani di senza tetto, di barboni e mendicanti, di gente semplice, gente di strada. Nello stringere la fragile, ma vi assicuro, molto ferma mano di Astro Samantha è stato come se mi avesse aperto la porta della memoria e  ho pensato a tutte le mani che ho stretto. 

                         Alex Del Piero mi concede un selfie alla festa dello sport 2017  a Conegliano


La stretta di mano la dice lunga sulla persona che lo sta facendo. Se è troppo leggera e indifferente significa che tanto è l'interesse che suscitate in quella persona. Ho imparato a non fidarmi di chi stringe la mano in quel modo. 


La mano dovrebbe stringere l'altra in modo energico e fermo, breve ma fermo. Si dovrebbe quasi "sentire" un'energia positiva trasmettersi nel gesto che sembra rituale e insignificante ma racchiude in se un mondo di informazioni immediate sulla persona che si saluta in quel momento per le più svariate ragioni della vita. Ho trovato interessante leggere Questo Articolo  che trovo giusto condividere con chi ha avuto la pazienza di leggere il mio articolo fino a questo punto, che riguarda proprio gli aspetti scientifico- psicologico delle strette di mano.
Astro Samantha a Oderzo 
0