Nadal- Poesia in dialetto Veneto (scritta l'anno scorso in occasione della mostra dei Presepi a Codognè)

NADAL (poesia di pio dal cin in esposizione alla mostra dei presepi presso la Biblioteca Comunale di Codognè fino all'8 Gennaio )
Quando che mi ere bocia
la peschiera la se ingelea.
De matina presto
prima de andar a scuola
sul giazz se slitolea.
Sua Mutera, se era do schei de neve, o de brosa
bastea un carton
par vegner zo a slitolon e a iosa.
A tuta bira zo par al crinal
e sempre senza farse mai mal.
Dizembre l'era al mese che pi'ne piasea
parchè ai primi del mese za San Nicolo' el rivea
E dopo la Madona Imacolata
tuti a preparar l'albero al presepio
bevendo late caldo o ciocolata
All'albero l'era na roba bea
e me piasea alla fine esser mi
quel che metea sua ponta la stea
Però al Presepio l'era la pi gran soddisfazion
metter al mus-cio le statuine, le fede in posizion
E col specio vecio de me mama in tel cantonet
far par le anere e le oche un bel laghett.
Se fea tutt insieme in fameia in allegria
e intanto al fogo de la stua al ne scaldea
insieme ala polenta e al muset
e sul tubo se sughea anca i calzett.
Al momento pi bel però al vegnea
quando che al bambin Gesu' se sistemea.
La' davanti al bo e all'asinell
el posto l'era sempre quel.
Bisognea spetar dopo tornadi da la messa
e rivar casa in tutta pressa
par sistemarlo tra Giuseppe e la Madonna
che i lo vardea e coccolea
intanto che al fredo e al gelo Lu el nassea.
Tra i pastori che sonea
e i Angeli che cantea Osanna
el Salvador del Mondo
al fea tanta nanna.
Co sti riccioletti bei e biondi
e sti ocion grandi e tondi
L'è vegnest da On su la tera
parchè i omeni noi fae pì guera.
Domila ani i è pasadi da quel benedeto giorno
e sen ancora quà che 'nden in torno
zercando de deventar bravi un bot
anden su Luna Marte e costruin robot
Però co torna Nadal da novo tornen "umani"
se ricorden ancora che sen Cristiani
e che l'importante in te la vita de un on
l'è anca conservar le tradizion.
No ven da desmentegarse
che i nostri veci anca co badil e restrel
i ne à assà un mondo tan pi bel
che li à portadi fora da terremoti e guere
e ghe doven sempre e comunque tanto de capel.

(pio dal cin Copyright 2016)
0