Codognè Godega la Fiera, La Moretti,il regalo di Roberto Bet, la battuta di Bepo (videocronaca di una giornata difficile nella Terra di Zaia)




La Moretti è sicuramente una bella donna, affascinante. Mi viene incontro appena scesa dal furgone che la sta scarrozzando per tutto il Veneto in cerca di consensi per le prossime elezioni regionali dove si opporrà (senza speranza dico io) a +Luca Zaia  assente giustificato perché a Roma per la manifestazione di Salvini contro Renzi & Company.

La sua stretta di mano e ferma, primo segno di una persona sicuramente sincera (ma un po' distratta, visto che dieci minuti dopo mi ridà la mano davanti al municipio di Godega presentandosi di nuovo)

Alcuni chiedono se è la stessa della "birra"..  Bepo Benedetti, alpino storico la incontra davanti al municipio, lei gli da la mano e dice "Piacere Alessandra Moretti.." lui sbotta in dialetto:" Ah.. si? Credee che la fosse una quà de Godega" Lei incassa e sorride.

Poi sparisce tra le poche decine di sostenitori che fanno di tutto per rendere meno imbarazzante possibile la sua calata nella Terra di +Luca Zaia . Al suo posto mi sarei sentito come un paracadutista lanciato da solo dietro la prima linea avversaria. Io proseguo a fotografare il sindaco Bonet con miss Italia e presto la candidata di "faccia da Cool" (Renzi) sparisce e non la vedrò più fino al tardo pomeriggio dove a Codognè l'assessore Graziano Rosolen gli consegnerà una lettera di Roberto Bet, (sindaco rieletto per la seconda volta con un plebiscito del 75%) dove la invita a recarsi in uno dei 16 negozi di parrucchiera o estetica presenti nel comune "regalandole" a sue spese un buono di 20 Euro.


E' veramente l'unica cosa che potrà fare di concreto in questa Terra Veneta, perchè lo scontro diretto con +Luca Zaia  le porterà solo un bassissimo consenso di voti. Non basteranno i modi gentili ed il suo look ad assicurare al PD la poltrona di Presidente della Regione. Perchè?

Semplicemente perché +Luca Zaia  ha dimostrato in questi anni di saper tener ben saldo il timone di una nave che è passata attraverso numerose tempeste. Una "nave" quella del Veneto che ha saputo tramite il suo Governatore portare la sanità ad un'eccellenza difficilmente riscontrabile in nessun'altra regione d'Italia.

Un governatore che fa quel che dice e dice quello che fa, senza peli sulla lingua e con una passione viscerale per il suo Territorio, per la sua Regione, per il Veneto ed i Veneti, le loro tradizioni, i loro modi di vedere la vita con un'ottica contadino cristiana che ci ha sempre contraddistinti nei secoli.

+Luca Zaia  che invoca da tempo l'intervento dell'esercito in un Veneto "stuprato" dalle scorribande di ladri e malfattori che entrano nelle case, rubano, vengono colti in flagranza di reato e vengono rilasciati il giorno dopo senza aver fatto un giorno di prigione.

La' dove reagiscono i Veneti vengono incriminati per "eccesso di legittima difesa". E mentre a Roma dopo la discesa degli hooligans Olandesi Alfano annuncia che verranno impiegati 500  militari in più a difesa della città, qui in Veneto gli appelli del Governatore più amato d'Italia vengono lasciati inascoltati.
I Veneti si stanno organizzando con ronde spontanee e (come ha detto il sindaco Bonet a Godega ieri ) con l'impiego di droni per la sicurezza dei nostri paesi.

Quando i Veneti saranno chiamati alle urne a maggio non avranno nessun dubbio. In questa regione premiamo chi "FA" non chi "PROMETTE DI FARE"  e +Luca Zaia  ha dimostrato in questi anni di saper far bene il suo lavoro.

Alla Moretti resterà la soddisfazione di poter tornare quando vorrà farlo a Codognè, per una "mise" con lo sconto di venti euro (quarantamila delle vecchie...sigh..lire) grazie alla generosità del nostro primo cittadino Roberto Bet, che nonostante non fosse presente ieri, ha saputo dimostrare quanto ospitali possiamo essere qui nel Cuore della Terra di +Luca Zaia
0