Don Mario Dall'arche ricordato a un anno dalla morte assieme a Don Giovanni Brescacin da S.E. Mons. Eugenio Ravignani

Solo chi ha conosciuto Don Mario Dall'Arche può capire il senso di vuoto che ha lasciato la sua scomparsa lo scorso 14 febbraio. Ha perso la battaglia con una malattia che non lascia scampo. Don Mario però di battaglie ne ha vinte tante nella sua vita; piccole e grandi battaglie nella dedizione più completa ai giovani. Un moderno Don Bosco che ha saputo coniugare la passione del gioco del calcio, la fotografia, e l'amore per Cristo Gesù ed ha saputo soprattutto convogliare il messaggio d'amore del Vangelo attraverso  la sua costante testimonianza ed il suo meraviglioso esempio, sempre conditi da quel sorriso che non mancava mai dalle sue labbra quando si trattava di dire una buona parola, di consolare qualcuno, o semplicemente per esternare quel suo essere contagiosamente positivo con un grandissimo senso dell'umorismo.

Ieri sera la Messa Officiata da S. E. Mons. Eugenio Ravignani già Vescovo di Vittorio Veneto e grande amico di don Mario che durante la breve ma intensa predica (vedi video qui sotto) ha ricordato tra l'altro "Il clima di gioia e serenità che Don Mario aveva portato in Seminario". Indossando la pianeta che fu di Don Giovanni Brescacin, trucidato da una raffica di mitra nel 1945 a soli 45 anni.
(particolarmente toccante nella mostra dedicata ai due sacerdoti presso il patronato il cimelio della veste di don Giovanni trapassata dai colpi di mitra).

Non è sfuggita a nessuno, anzi, la coincidenza delle due morti di questi testimoni della fede nello stesso giorno e quasi alla stessa ora, è stato il vero filo conduttore che ha fatto scaturire l'idea del ricordo comune in questo giorno particolare.

Da una parte il sacrificio della vita di don Giovanni che non si è fermato davanti ad un mitra pur di difendere il suo sacrosanto diritto ad essere pastore imparziale dei suoi parrocchiani, senza colori ne bandiere, dall'altra il dono di Don Mario alla sua comunità. Un dono fatto di opere instancabili verso i suoi parrocchiani, di quotidiane certezze, di continua rassicurazione di una presenza viva e forte, positiva e sorridente che ha lasciato e lascerà ,come ho detto all'inizio, un segno veramente indelebile in tutti coloro che come noi hanno avuto la fortuna e l'onore di poterlo avvicinare, di conoscerlo e di apprezzarne la genuina forza che scaturiva da un amore per gli altri che ha caratterizzato tutta a sua vita .
(pio dal cin)

                                                             L'ingresso in chiesa video


Le foto scattate ieri sera durante la Santa Messa in ricordo di Don Mario Dall'Arche e Don Giovanni Brescacin
Il video con l'omelia breve ma intensa di S.E. Mons. Eugenio Ravignani già Vescovo di Vittorio Veneto






























Fratelli d'Italia eseguito per Don Giovanni Brescacin dalla Banda Comunale (video)


Il sindaco di Cappella Maggiore scopre il cippo in onore di don Giovanni Brescacin







S.E. Mons. Eugenio Ravignani benedice l'ulivo piantato ed il cippo in onore di don Giovanni Brescacin








La targa in onore di Don Mario scoperta oggi 15 febbraio 2015 in Patronato a Cappella Maggiore





La targa scoperta in onore di Don Mario


La benedizione di S.E. Mons. Eugenio Ravignani



Video con il tour virtuale della mostra dedicata oggi ai due sacerdoti morti nello stesso giorno e quasi alla stessa ora a distanza di 70 anni a Cappella Maggiore: Don Giovanni Brescacin e Don Mario Dall'Arche.

La veste che fu di Don Giovanni indossata il giorno della sua morte 14 febbraio 1945 .si vedono benissimo i fori della sventagliata di mitra.

Alcuni dei cimeli di Don Mario presenti nella mostra

Una delle sue fotocamere  ed il mitico giubbetto che indossava spesso




La sorella di Don Mario Dall'Arche con il marito Comm.Angelo Gugel che è stato per lunghi anni al servizio di Giovanni Paolo II
0