Codognè Cuore Veneto Quella sera a villa Toderini

Se potessi scegliere il posto ideale per la presentazione del mio libro "Codogne' Cuore Veneto" il paese della mela cotogna e dei codici QR, quale migliore cornice della bomboniera, gioiello dell'agriturismo www.villlatoderini.com? Pensavo questo tra me e me. Quando ho visto Pierluca Bonicelli, che assieme a Viviana ,la sua signora, e ai suoi figli, gestisce il bed and breakfast piu' bello che io abbia mai visto dai tempi in cui ho lavorato a Cortina d'Ampezzo all'hotel De la Poste (anni 70), ho pensato senza indugio di chiedergli se potevo sperare di presentare il mio libro, il primo per me, nella sua struttura. Luchino ne fu entusiasta quasi come me, e da quel si, capii che stavo partendo con il piede giusto.

Immaginavo gia' i protagonisti del libro, tutti assieme in quella meravigliosa stanza delle colazioni, al calduccio di una serata che anche fosse stata piovosa avrebbe aggiunto atmosfera ad un incontro indimenticabile.
Immaginavo un clima cordiale e famigliare, quello di una data importante di dicembre come San Nicolo', il Santo dei bambini, il Santo dei regali, il Santo che qui nella sinistra Piave viene tenuto piu' a conto di Babbo Natale ( alla fine sono la stessa persona).Avrebbe pensato lui a far venire le persone giuste ,pensavo.
Immaginavo un discorso di presentazione fatto in scioltezza, senza aver preparato niente perche' se quello che devi esprimere ti appartiene ce l'hai dentro e basta tirarlo fuori.
Pensavo anche a dopo, al rinfresco, se l'avesse fatto Massimo,il titolare della pasticcieria Torinese di Codogne' , magari un dolce salato con quei succulenti panettoni alla crema chantilly; chissa'... mi veniva gia' l'acquolina in bocca.
Ah si..ed il vino? Il buon Prosecco della Cantina di Codogne' avrebbe potuto essere l'ottima cornice a tutti l' evento per questo libro che ha messi le ali grazie al contributo di pochissimi sponsors ma di qualita' DOC come la MAEG di Alfeo Ortolan, leader mondiale delle grandi costruzioni, come la Banca della Marca che sostiene piccoli e grandi progetti sul territorio estrapolandosi di fatto dallo stereotipo della banca fredda e lontana dalla gente in questi tempi di crisi profonda che sta vivendo il nostro paese. Come lo www.spacciocchialivision.it
dell' amico Aldo, leader incontrastato nel settore dell'occhiale grazie al know  how centenari della famiglia Vendrame. Chi come loro ha creduto a questo progetto sono alla stessa stregua degli autori e delle famiglie che hanno aperto i loro armadi e cassetti, spolverando vecchi album di famiglia hanno ridato ali e vita a foto che altrimenti sarebbero cadute nell'oblio. 
Una delle intenzioni infatti del libro era proprio questa: recuperare vecchie foto e documenti inediti, e cosi' e' stato.
Quando tutto questo e' diventato reale sabato sera, 6 dicembre, giorno di San Nicolo è come se il sogno si fosse avverato: ero li con Roberto Bet, sindaco di Codognè e con Lisa Tommasella che ha moderato in maniera splendida la serata. Alla mia destra Francesca Salvador la co autrice del libro. Tutto questo nella spendida cornice di www.villatoderini dove mi ero "trasferito" fin da prima di mezzogiorno per organizzare tutto con l'indispensabile supervisione della signora Viviana, l'aiuto di Luchino e di Piergiorgio Bonicelli.

0