Codogne' Cuore Veneto il libro

Ci sono voluti due anni. Non credevo che scrivere un libro su Codogne' fatto di foto di personaggi e luoghi della mia, della nostra memoria richiedesse un lavoro cosi' lungo. E' cominciati tutto dal desiderio di condividere quelle foto che in tanti anni sono riuscito a mettere insieme per raccontare un paese che in cinquant'anni e' cambiato. Nel cambiare ha pero' conservato il suo antico fascino che viene da lontano quando una comunita' di monaci hanno deciso che valeva scommettere su queste terre ( allora paludose) dove cresceva spontanea la mela cotogna, diventata il simbolo di una comunita' rurale che ha saputo intravedere nella" Terra" la possibilita' di un' avvenire prosperoso per le generazioni future. Oggi, nell' Era della super tecnologia, della connessione, di internet, non possiamo fare a meno di guardare indietro, agli insegnamenti saggi dei nostri Avi. Noi siamo la loro proiezione nel futuro, ed il nostro compito e' quello di tramandare alle nuove generazioni il "fuoco sacro" della saggezza e del buon senso che hanno trasformato un territorio paludoso in un miracolo economico.Certo, la crisi di questi anni ha lasciato anche qui pesanti conseguenze, ma lo spirito della nostra Gente ha dimostrato nei secoli di potersi piegare ma di non venire mai spezzato dalle tempeste della vita . Con queste nozioni ho cercato umilmente di raccontare Codogne' anche se " nessuno e' profeta in patria" ho voluto provarci, perche' pur avendo viaggiato il mondo in lungo e in largo, ho sempre cercato con la mia fotocamera e la mia penna di raccontare gli episodi, i luoghi, la gente di questo paese che oggi e' diventato un crocevia in un territorio cosi' splendido e ricco di risorse qual'e' il Nostro Veneto. Ecco il perche' del titolo " Cuore Veneto". Perche' solo chi lo porta nel cuore puo' capire l'enorme importanza, e responsabilita' di avere le radici profondamente legate ad un territorio che con le sue spiagge; le Dolomiti, le campagne e le Colline del Prosecco e di vini di ottima qualita', i laghi, le terme, le citta' d'Arte uniche al mondo.La gastronomia e l'ospitalita' e tutti quei prodotti artigianali che nel mondo vengono apprezzati e a volte copiati. Con questo spirito,umilmente e senza pretese, ho cercato di raccontare attraverso la semplicita' dei personaggi che negli anni hanno lasciato un segno. Spesso sono personaggi semplici, non famosi che pero' ci hanno lasciato il ricordo di un sorriso, di una battuta; ci hanno raccontato la storia di "Barba Zucon" o ci hanno regalato perle di saggezza con un proverbio o una canzone in dialetto. Il Bocio, Fiorello, Francesco, Giordano, al "Bel Tonelo" che dallo stipite della sua porta erudiva noi tutti con i suoi sermoni spesso resi infuocati da qualche bicchiere in piu' ma che avevano insita quella saggezza di cui dicevo prima. Ho cominciato da solo il canmino di questo libro, poi si e' aggiunta una compagna di viaggio che mi ha aiutato grazie alla sua dimestichezza con i libri e l'editoria di oggi. Senza Francesca Salvador questo libro non avrebbe mai visto la luce. La ringrazio per averci creduto. Oggi siamo allo stretch finale; qualche ultimo ritocco, gli ultimi spazi e foto da rivedere e andremo in stampa con le prime mille copie.Gli sponsors che all'inizio erano difficili da trovare ora verranno scelti con cura, perche' questo e' un bel libro, scritto col Cuore, col Cuore Veneto
pio dal cin

0