Disabilita' e rinnovo patente in Italia.Trionfo della burocrazia

(by pio dal cin) Sono disabile dalla nascita. Non tanto da avere il bollino di "handicappato" da esporre sulla finestra della mia auto ma abbastanza da rendere il rinnovo della mia patente una piccola odissea che si rinnova ogni cinque anni. (si perchè le patenti speciali funzionano così).

Premetto che guido dall'età di 18 anni. Ne ho 57 e non ho mai fatto un incidente stradale. Per dieci anni ho guidato un taxi negli USA (senza incidenti ne burocrazia)

La mia patente scade tra pochi giorni e cosi' mi sono recato in un'agenzia automobilistica della zona, dove per la modica cifra di 98Euro mi hanno preso un appuntamento con la commissione che dovrà decidere se sarò in grado di guidare ancora per cinque anni senza rischiare di essere un pericolo pubblico.

Il fatto è che dovro' andare a Treviso perchè la suddetta commissione riceve solo in Provincia. . Benzina e fototessere alla fin fine mi sarò speso  quasi 200Euro. Che bello!

La cosa peggiore è che penso ai disabili che dovranno recarsi come me a Treviso per la visita e nei casi più complicati del mio (riusciro' ad arrangiarmi ) dovranno farsi accompagnare facendo perdere un sacco di tempo a chi li accompagnerà .

Non sarebbe meglio che, visto l'handicap siano le istituzioni a mettersi a servizio del cittadino e gli rendano la vita più facile invece di complicargliela ulteriormente con spostamenti, vaglia, foto e quant'altro?

Non mi resta che prendere tristemente e serenamente atto che viviamo in un bellissimo Paese che però è sottosopra in tutti i sensi. Paghiamo tasse che cambiano nome ogni giorno, dove la politica è fatta solo per biechi interessi personali, quando non è corrotta. Dove per vedere la TV bisogna pagare 113Euro di Canone, dove tutto è al contrario di tutto e nessuno muove un dito per cambiare le cose.

A Kiev i dimostranti hanno ottenuto quello che volevano, assediando i palazzi del potere che ormai stava imponendosi come una dittatura, Sfidando temperature polari hanno combattuto per la libertà.

In Italia non serve, siamo una Democrazia.Ma lo siamo veramente?

Personalmente vedo l'Italia come una dittatura della politica e della casta ricca e corrotta che vessa la popolazione con tasse inutili, strangolando la vita degli individui giorno dopo giorno, imponendo pagamenti e tasse assurde, aiutati da una burocrazia infernale che non sa nemmeno riconoscere che un disabile va aiutato invece che condannato ad essere sbattuto a destra e a manca per un semplice rinnovo di un pezzo di carta che è la patente di guida.

Ubriachi e drogati che uccidono vengono subito rilasciati e la patente viene loro restituita con una facilità che di gran lunga supera il disagio e i costi che io come disabile dovro' affrontare nei prossimi giorni.

Viva l'Italia.


Enhanced by Zemanta
0