Grillo. Delusione totale

English: Beppe Grillo, Italian comedian, activ...
English: Beppe Grillo, Italian comedian, activist and blogger. (Photo credit: Wikipedia)
(by pio dal cin) Una cosa però bisogna riconoscerla a Beppe Grillo; ha saputo  dare la sveglia agli Italiani, a scuoterli dal torpore e dalla obesità mentale nella quale erano precipitati , mettendo a nudo senza peli sulla lingua e senza mezzi termini tutte le smancerie e i trucchi del "Club Prive'", il Parlamento Italiano, dove è facile entrare con la testa alta ed il viso onesto di chi comincia una nuova avventura, pieni di entusiasmo, sicuri di poter, e di dover cambiare le cose in un'Italia che affonda, non per mancanza di risorse o di idee, ma per la scelleratezza delle leggi e degli individui che dovrebbero amministrare la cosa pubblica ed invece amministrano la "cosa loro".

Grillo ha smosso le piazze, ha attratto consensi come non mai urlando da Canicatti' a Bolzano che avrebbe aperto il Parlamento come una scatoletta di tonno. Forse ha ottenuto un risultato che è andato ben oltre le sue aspettative e non ha saputo ottimizzare il successo.

Molti, se non avessero votato Grillo, sarebbero stati a casa. Molti altri si sarebbero lasciati andare a violenze e atti ecclatanti verso una dirigenza politica che ha portato moltissimi Italiani all'esaperazione. Si legge ogni giorno di suicidi. Le imprese chiudono eccetera eccetera. Il ruolo del Comico Genovese è stato anche questo, con le sue urla ha polarizzato su di se l'attenzione di tanti disperati che  credendo in lui hanno tralasciato gesti ben peggiori, riponendo nel M5S la loro ultima speranza.

Lo sbaglio di Beppe è stato quello di affidarsi completamente alla "Rete" snobbando interviste e riprese televisive, sfuggendo di fatto ai cronisti Italiani  e rimandando comunicati ufficiali,dichiarazioni, interviste esclusivamente al suo Blog che con milioni di iscritti in tutto il mondo è sicuiramente ancora saldo tra i primi dieci Blogs del mondo, con circa 9 milioni di iscritti e dio sa quanti contatti giornalieri.

Sia lui che tutti gli elettori "seri" e di una certa età  siamo cresciuti in una società che difficilmente riesce a tenere la TV spenta. I dibattiti ed i confronti si consumano in diretta, con chi urla le proprie ragioni all'altro che a sua volta cerca di parlare sovrastando la replica del terzo ospite e via così. Un bel casino si, sono daccordo, ma è l'audience che lo richiede; senza una baruffa, una lite, o a volte la minaccia di arrivare alle mani, la TV sembrerebbe troppo "blanda", e allora la corsa dei Network a prenotarsi quelli che fanno casino per la prossima trasmissione, dove si vedono tutti...fuorchè lui, il Comico Genovese che si è fatto un'impero miliardario grazie alla TV.

Grillo snobba e chiede, anzi impone ai suoi, la regola del silenzio, ma funziona questo metodo? credo proprio di no e lo rende antipatico e snob. I consensi conquistati a dura prova della sua povera laringe vengono a mancare, prima in Friuli, dove passa la Serracchiani del Pd ed in seguito verranno meno anche nelle altre sedi.

Se andassimo a votare oggi Grillo non andrebbe oltre un dieci, dodici percento al massimo, La delusione si respira, il comico ha deluso le aspettative, non si puo' far politica solo attaccando e offendendo a destra e a manca. Servono delle proposte da tradurre in risultati concreti.

Certo che se si fosse apparentato con chiunque a formare un governo, avrebbe deluso ancor di più i suoi elettori ai quali aveva promesso che non ci sarebbero stati "inciuci". Su questo almeno ha mantenuto la parola. Lo sbaglio è stato quello di colpire le istituzioni senza risparmiare nessuno.

Personalmente ha dato parecchio fastidio l'attacco che fece uno degli iscritti al Movimento, e che Grillo pubblico' nel suo (antipaticissimo) Blog, verso Papa Francesco il giorno dopo che fu eletto, accusandolo ingiustamente di collusioni inesistenti con il regime di Pinochet.

Questo è solo uno dei fatti a cui mi riferivo. Da Febbraio ad oggi il Leader del M5S ne ha dette di cotte e di crude, esagerando nei toni, come solo lui sa fare.

Peccato Beppe, l'occasione ce l'hai avuta, non l'hai saputa sfruttare al meglio, e come un boomerang ti travolgera', ogni volta che torneremo alle urne
Enhanced by Zemanta
0