Friuli. Analisi di un voto Regionale e della politica che ne deriva

(Italian version) Category:Maps of Friuli-Vene...
(Italian version) Category:Maps of Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia (Photo credit: Wikipedia)
Walter Veltroni
Walter Veltroni (Photo credit: Wikipedia)
English: Romano Prodi during the commemoration...
English: Romano Prodi during the commemoration ceremony of the fall of the border Italy - Slovenia on 2004 Italiano: Romano Prodi durante la rievocazione della cerimonia della caduta del confine Italia - Slovenia del 2004 (Photo credit: Wikipedia)
English: Beppe Grillo, Italian comedian, activ...
English: Beppe Grillo, Italian comedian, activist and blogger. (Photo credit: Wikipedia)
(by pio dal cin) La Serracchiani ha vinto le Elezioni Regionali e guiderà il Friuli. Sono bastati duemila voti in più per sconfiggere il Centrodestra e spedire a casa Tondo. il movimento +M5SRoma  di +beppe grillo  in perdita di  alcuni punti percentuali non è riuscito nell'intento di portarsi a casa la prima Regione "post Tsunami. Perche'?
prodi
prodi (Photo credit: _mixer_)

Se la Serracchiani ha vinto (anche se di stretta misura) significa che un Pd con una leadership giovane e nuova potrebbe essere molto "appealing" anche a future elezioni anticipate. Presumo che questo volto incarni in qualche modo la voglia di un rinnovamento radicale che oramai, visto l'harahiri politico di Bersani, è inevitabile. La filosofia del "rottamare" di Renzi sta avendo successo,e, anche se su una scala limitata ad una Regione, rimane tuttavia un modo per gli elettori  di mandare un vero sonoro messaggio all'establishment "bolscevico" e sorpassato dei vari Bersani, D'alema, Veltroni, Prodi, Bindi e Rutelli: "La vostra era è finita. Prendetevi le vostre miliardarie buone uscite (putroppo) e andatevene fuori dai cohones".

Uno smacco per Berlusconi che si vanta dei sondaggi che lo vogliono in rialzo. Ha perso una Regione che avrebbe potuto completare il grande disegno della Lega di creare una Maxi Regione dal Piemonte al Friuli (con l'alleanza Lega-Pdl) alla quale però non sembra credere più troppo nessuno nemmeno all'interno del partito di Bo... di Maroni. (E la Padania dov'è sparita improvvisamente? Ha cambiato nome?)


Anche +Beppe Grillo ha perso in Friuli, ma non solo. I fatti di questi giorni, collegati all'elezione del Presidente della Repubblica non sono piaciuti ai "moderati" di sinistra che hanno visto nella Serracchiani il "nuovo" che sta promettendo il comico Genovese da tanto tempo. +Beppe Grillo ed il suo monimento hanno cavalcato male la vittoria di febbraio. Quel fuggire dalle telecamere, quell'ostinarsi a non apparire, quel dare spiegazioni solo online o parlare male dei giornalisti, accettando tuttavia interviste da testate internazionali, gli hanno fatto piu' male che bene.

La ostinata riluttanza al dialogo, a molti è passata come arroganza ed antipatia da "bambini viziati" che avendo chiesto una Wolkswagen hanno invece ricevuto in regalo una fiammante Ferrari ed ora, non sapendo cosa fare e come guidarla, la custodiscono gelosamente nel Garage, aspettando di capire se rivenderla, o aspettare di diventare grandi per poterla usare, mentre nel frattempo sono costretti ad usare una bicicletta.

Chapeau quindi alla bella moracciona di sinistra che vince le elezioni per un soffio e rilancia il messaggio alla dirigenza : "Col nuovo vinciamo, col vecchio ci sfaldiamo" aspettando di vedere cosa sortirà dalla decisione coraggiosa di un vecchio di 87 anni che ha saputo dare una lezione di vita a tutti i buoni a nulla che sono passati in Televisione negli ultimi due mesi, urlando e sbraitandosi addosso senza concludere un tubo.

Napolitano ha saputo dimostrare con la sua imparzialità che l'appartenenza ad uno o l'altro partito puo' essere accantonata, se il faro che guida l'uomo politico è l'interesse verso gli elettori piuttosto che quello per i dorati stipendi e pensioni principesche accompagnate da buone uscite da due, trecento mila Euro come scriveva il giornalista Mario Giordano il 28 Febbraio scorso
"Scusate, mi ero distratto un attimo. Stavo aspettando che cambiasse il mondo. Mi risveglio nella nuova era e scopro che Fini, per il servizio reso al paese, prende una buonuscita da 250mila euro, Formigoni da 450mila, Franco Marini da 174mila, Italo Bocchino da 141mila euro, Maurizio Paniz 100mila euro, Gianfranco Micciché da 158mila euro, D’Antoni 111mila euro, più un vitalizio di 3.300 euro netti che andrà a sommare alla pensione Inpdap da ex docente universitario (?!) di 5.233 euro netti. Teodoro Buontempo incasserà doppio vitalizio (ex parlamentare ed ex consigliere regionale come anche l’ex capogruppo Pd in Regione Lazio Esterino Montino.  E sui partiti arriva una pioggia di rimborsi: 159 milioni di euro, di cui 45,8 milioni al Pd, 42,7 al Movimento 5 Stelle, 38 milioni al Pdl, 15 milioni alla Lista Monti (Senato più Scelta Civica alla Camera), 7,3 milioni alla Leg, 5 milioni al Sel, 1,6 a Fratelli d’Italia e 1,5 all’Udc. Scusare, mi ero distratto un attimo. Ma non doveva cambiare il mondo?"

Stiamo a vedere che cosa succederà nei prossimi giorni, ora che Napolitano (che è l'unica persona che si capisce non lo stia facendo per la poltrona) prenderà le decisioni più sagge a contrastare il clima di tensione e di insoddisfazione generale che il Paese sta soffrendo in questi ultimi mesi. Occorre far presto (lo dicono dfa due mesi) perchè la sofferenza della gente si sta facendo più tangibile. Tentunmila aziende hanno chiuso i battenti. Il suicidio da stress di crisi riempie le cronache di ogni giorno.

Il Popolo Italiano è stanco di chiacchere. Basta! I fatti concreti per rilanciare l'occupazione e la crescita di un Paese il Nostro che da secoli rappresenta l'eccellenza in tantissimi campi dell'industria e dell'artigianato, della ricerca e dell'innovazione tecnologica. 

Complimenti al vecchio saggio Napolitano che ci permette di fare un'autocritica, mentre lo guardiamo fermo, in piedi come una roccia di granito, leggere il suo discorso ad un'assemblea di inetti che avrebbero meritato si di essere rispediti a casa loro subito, magari sostituendo le buone uscite con qualche bel calcione assestato con forza nei loro sederi sporchi di colla con i quali sono diventati una cosa sola con le  poltrone che hanno scippato.
Enhanced by Zemanta
0