Luca Zaia è l'ora di un tuo Partito

(by Pio Dal Cin) "Ora Luca segretario" si legge oggi sul "Corriere della Sera". La Lega mostra le spaccature che da tempo erano tenute sotto il tappeto dopo glu scandali che hanno visto coinvolto Bossi.

L'emoraggia inarrestabile di voti verso il Movimento di Grillo dimostra che i moderati della Lega considerano la vecchia struttura del partito ormai priva di affidabilita'
L'emoraggia si puo' fermare ed il " chirurgo" puo' essere soltanto Luca Zaia.
Non certo facendo da segretario, ma fondando il suo partito sulle ceneri di una Lega che visti gli ultimi risultati non riuscira' piu' a ritrovare la fiducia della gente del Nord stremata dalla crisi e che chiede la fine delle ruberie e degli sprechi perpetrati dai politici.

Zaia gode ancora di larghi consensi e assieme a Maroni, Cota, e Tondo potrebbe dare il via ad una nuova entita' politica basata sui volti dei suoi fondatori piu' che sullo stampo Leghista del passato che gli elettori hanno oramai decretato come superato e finito.

Bisogna far presto. Tra non molto saremo richiamati alle urne dalla situazione che verra' a crearsi in un parlamento diviso in tre parti piu' o meno uguali ma con programmi e visioni completamente opposte.

L'iniziativa che Maroni chiama il Grande Nord puo' prendere il volo solo se si crea un nuovo polo politico sulle ceneri della vecchia struttura.

Tosi fara' il suo passo in questa direzione e lo ha gia' accennato qualche giorno fa sui giornali. Non importa.

I quattro Governatori del Nord organizzati in un partito e guidati dal carisma di Luca Zaia e dall'acume politico di Bobo Maroni potrebbero richiamare gli scontenti di oggi alle prossime elezioni e riuscire benissimo ad arrivare ad un 12-15 % di consensi.

Altri salti morlali e discussioni interne porteranno la Lega ad un cardiogramma piatto prima delle prossime elezioni.

0