Reato di Omicidio Stradale- Firmate la Petizione


(AGENPARL) - Roma, 01 giu - Rendere più severe le norme in merito a omicidi o lesioni legati alla guida in stato di ebbrezza: questo l'obiettivo della proposta di legge di iniziativa popolare presentata al Presidente della Commissione trasporti della Camera, Mario Valducci, che si è detto disponibile a coordinarla con le proposte avanzate dal Parlamento. Il testo è frutto del lavoro congiunto dell'Associazione Lorenzo Guarnieri, Associazione Gabriele Borgogni, Associazione amici e sostenitori della polizia stradale, Comune di Firenze, Polizia Municipale di Firenze e ACI Firenze.
In particolare, quattro sono i punti fondamentali su cui verte la proposta. Il primo è l'istituzione del reato di "omicidio stradale", specifico per chiunque causi la morte di un uomo "ponendosi consapevolmente alla guida in stato di ebbrezza alcolica o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti o psicotrope ai sensi". In secondo luogo, si propone l'allungamento della pena per questo tipo di reato: dagli attuali 3-10 anni a 8-18 anni, così che, anche in caso di sconti di pena dovuti a patteggiamento o rito abbreviato, il colpevole subisca almeno un giorno di carcere o di misura restrittiva. La proposta, poi, intende istituire l'arresto in flagranza di reato, finora non previsto per questa categoria di reato. Infine, l'introduzione del cosiddetto "ergastolo" della patente, ossia il suo ritiro definitivo dopo il primo "omicidio stradale".
È attualmente in corso, anche attraverso il sito omicidiostradale.it, la raccolta firme per sostenere l'iniziativa. Ne servono 50 mila per poter presentare in Parlamento la proposta. "Se rubi 100 € dalla borsa di una signora - si legge nell'homepage - e sei catturato da un agente di polizia entri in carcere immediatamente e sei processato subito.Se invece uccidi un ragazzo di 17 anni, invadendo la sua corsia e investendolo in pieno perché ti sei messo alla guida positivo alla cannabis e con un tasso alcolemico che supera di 3 volte il limite di legge (significa aver bevuto 15 birre o 2 bottiglie di vino), non solo non vieni arrestato subito, ma in carcere non ci andrai mai. Una pena 'equa' per il danno provocato e 'certa' rappresenta un atto di 'prevenzione'. Serve da deterrente e rende un minimo di giustizia a chi ha perso la vita per il comportamento criminale di un guidatore che si è messo alla guida non essendo in condizione di farlo". 
0