Bibione Le cose che non funzionano in spiaggia.

Mi spiace dover criticare una località che frequento da oltre dieci anni. Bibione è una spiaggia che offre molto alle famiglie con bambini. E' pulita, ci sono tanti giochi e da un senso di ordine a chi la vede per la prima volta. La grande spiaggia con più di ventimila ombrelloni. E qui' casca l'asino. Durante uno dei miei ultimi soggiorni nella località Adriatica, ho chiesto ed ottenuto che il posto assegnatomi per l'ombrellone mi venisse cambiato. Era troppo arretrato. Successivamente ho chiesto di poter cambiare l'ombrellone con uno a pagamento (le prime tre file si pagano 26 euro supplementari alla settimana) ma nonostante il soggiorno fosse durato tre settimane mi è stato detto che un cambiamento era già stato fatto e non era possibile ottemperarne un secondo. Grazie. Ho fatto presente anche della mia difficoltà deambulatoria dovuta ad un problema agli arti inferiori: Niente cambio!
Peccato Bibione.
La seconda cosa che vorrei segnalare è che il WI-FI, disponibile per la spiaggia è a pagamento (due giorni 10 euro!!!) Hey!!! Siamo nel 2011. A Jesolo si paga un euro al giorno. In altre località il wifi è assolutamente gratuito.
Queste sono le due "pecche" di un sistema altrimenti ben oliato e che rende felici i turisti che approdano dall'Est Europa per venire nelle spiagge dell'Alto Adriatico ed in particolare nel Veneto e nel Friuli e sempre che non si volglia essere troppo fiscali potrebbero essere ritoccati, visto che l'impegno economico per una famiglia rimane comunque alto ed oneroso. I bagnanti del mese di giugno erano troppo concentrati in settori mentre altri settori vicini rimanevano vuoti. La ragione di questo alle casse viene attribuita al fatto che i bagnini non debbano lavorare troppo in spostamenti assurdi o troppo frequenti. Allora tuteliamo la figura del bagnino poveretto che non si stressi troppo. Il turista che cala migliaia di euro puo' anche soffrire un po. E' forse questa la politica che si vuole far passare in questa bellissima spiaggia.

Per ultimo, rimangono le presenze troppo assillanti dei vu-cumprà, eliminati da Jesolo con la presenza degli steward da spiaggia ma che a Bibione imperversano fastidiosamente tra gli ombrelloni troppo affollati per un giugno che dovrebbe essere all'insegna della tranquillità ed il relax delle famiglie.

Per concludere chiedrei alle cassiere degli ombrelloni di essere più elastiche nei cambi, al limite se uno non è contento fate pagare una penale, ma non costringete un ospite che si ferma per tre settimane a subire un posto del quale non è contento, mentre li vicino ci sono decine di posti liberi.
Enhanced by Zemanta
0