La tragedia della Libia- In Italia, In Europa, ma anche nel Mondo intero.

Se come sembnra arriveranno in centinaia di migliaia sulle coste Siciliane, è giusto, come ha detto il ministro Maroni che il problema da risolvere sia Europeo, non solo Italiano. Sono daccordissimo con chi sostiene questa teoria, ma andrei oltre: A mio modesto avviso l'emergenza non riguarda solo l'Italia o l'Europa, ma il Mondo intero. Quando arriveranno, bisognerà inviarli in Paesi diversi attraverso l'Europa, ma bisognerà mandarli anche più lontano, negli USA per esempio, dove potrebbero integrarsi e vivere le loro vite lontano dal dittatore che li ha umiliati con il suo fetore da terrorista di stato. Tutte le Nazioni dovranno partecipare, non solo l'Italia, non solo l'Europa, non solo gli USA. Se i Paesi del mondo sono riusciti a formare un'Alleanza di Guerra di fronte al nemico terrorismo, tanto più facile dovrebbe essere un accordo di smistamento umanitario che tenga però anche conto delle singole necessità, quali evitare separazioni di famiglie e chiedere quale Paese di quelli che formeranno questa "Alleanza" voglia che li ospiti..
Solo così verrà data una concreta risposta ad un attacco senza precedenti nella Storia Moderna (se non torniamo indietro fino a Hitler. Il dittatore Libico e quello Tedesco hanno molti punti che li accomuna, e bene farebbe la Comunità Internazionale ad alzare la voce ancora più forte ad urlare in faccia a questo spietato uomo che "il gioco è finito" che per lui non ci sarà più un futuro tranquillol fino a che non comparirà dinanzi ad un tribunale che gli faccia espiare le terribili colpe delle quali si è macchiato .

Meglio sarebbe, e glielo auguro di cuore, che caschi nelle braccia dei rivoltosi che gli facciano loro espiare lentamente le sue smargiassate che purtroppo inevitabilmente sono frutto di quel culto personale di se stesso, fomentato ahimè oltremodo da tutti i leaders mondiali, che colti alla sprovvista traa uno scandalo all'altro si sono curati più di capire che cosa sarebbe successo al petrolio piuttosto che cercare di salvare vite umane.

La lentezza della reazione dei leader mondiali nei confronti di Gheddafi può essere solo motivata dal fatto che eravamo tutti incredulmente occupati da altre "faccende" che non tenevano conto della politica estera, ed in particolare dellItalia, che suo malgrado si ritrova ora, ad essere trasformata in un enorme dormitorio, penalizzata dalle coordinate geografiche e da l'Inerzia dei colleghi europei.
0